MUCRONER è il forum dell'Associazione Biella Mountain dedicato agli sport alpini sulle montagne biellesi. Inserite le vostre relazioni ed i vostri commenti nelle aree tematiche divise per attività: alpinismo, arrampicata, vie ferrate, free-ride
 
IndiceGalleriaCercaRegistratiAccedi
Ultimi argomenti
Chi è online?
In totale c'è 1 utente online: 0 Registrati, 0 Nascosti e 1 Ospite

Nessuno

Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 23 il Lun Apr 13, 2015 2:40 pm
Cerca
 
 

Risultati per:
 
Rechercher Ricerca avanzata

Condividi
 

 Oropa, monte Tovo, Ferrata Nito Staich

Andare in basso 
AutoreMessaggio
roby caucino
Admin
roby caucino

Messaggi : 15
Data d'iscrizione : 20.05.10

Oropa, monte Tovo, Ferrata Nito Staich Empty
MessaggioTitolo: Oropa, monte Tovo, Ferrata Nito Staich   Oropa, monte Tovo, Ferrata Nito Staich EmptyVen Mag 21, 2010 11:49 pm

Valle Oropa, Monte Tovo, Via Ferrata Nito Staich
Data: nov. 2005
Relazione: Roberto Caucino
Difficoltà: Moderatamente difficile


Oropa, monte Tovo, Ferrata Nito Staich Maps_staich



-20' per l'attacco
-1.20h la sola ferrata
-40' in discesa;
prosecuzione al monte Tovo:
-1.30h di salita dal termine della ferrata -1.45h di ritorno in discesa

avvicinamento:150mt
(1250-1400mt)
-via ferrata:200mt
(1400-1600mt)
-estensione al monte Tovo:630mt
(1600-2230mt)

PERCORSO STRADALE

Autostrada A4 uscite Santhià oppure Carisio:direzione Biella;ad Oropa raggiungere l'omonimo Santuario e da quest'ultimo imboccare la strada per la “Galleria Rosazza”,dopo meno di un 1 km,all’altezza di un tornante,si nota un “tempietto” diroccato;a fianco della costruzione inizia una strada sterrata e qui è possibile lasciare l’autovettura.

AVVICINAMENTO

L’avvicinamento incomincia sulla cosiddetta “strada della Pissa” ,al cui inizio sono posti evidenti cartelli che indicano la direzione da seguire per giungere al rifugio Rosazza:seguite tale direzione.La carrareccia prosegue salendo gradualmente la valle fino a giungere ad una pietraia che impone alla strada una netta deviazione per aggirarla:a questo punto,nei pressi di una piccola cappella e di un traliccio elettrico,si nota su un masso il cartello indicante la direzione da prendere per l’attacco della ferrata :seguire i segni rossi salendo alla belle meglio lungo la pietraia.

Oropa, monte Tovo, Ferrata Nito Staich Ferrata%20staich%202



LA FERRATA

A questo punto risulta evidente lo sperone roccioso che sarà oggetto della nostra salita;è possibile anche individuare sia il traliccio metallico in uso,sia i vecchi tralicci in cemento dismessi .

Oropa, monte Tovo, Ferrata Nito Staich Ferrata%20staich%203

Durante la breve salita alcune targhette poste sui massi della pietraia indicheranno la strada migliore da seguire .Ai piedi dello sperone si nota l’attacco della ferrata ,un cartello ricorda l’uomo a cui è intitolata la via e le regole basilari di comportamento .

Si inizia con un breve tratto verticale,

Oropa, monte Tovo, Ferrata Nito Staich Ferrata%20staich%208

un traverso tra alcuni arbusti (notate alla vostra destra il colpo d’occhio sul Santuario di Oropa), alcune placche ed altro traverso.Un ulteriore tratto verticale porta ai piedi del traliccio dimesso ;

Oropa, monte Tovo, Ferrata Nito Staich Ferrata%20staich%209

il cavo ed i pioli proseguono sul cemento:un corto “ponte tibetano” ci trasporta sulla parete opposta al traliccio ;su tale parete si traversa a destra per giungere ad un ripiano erboso.Si prosegue non assicurati per una decina di metri fino a giungere ai piedi di un imponente diedro granitico ;la parete viene affrontata direttamente sulla sinistra per uscire su una cengia.

Oropa, monte Tovo, Ferrata Nito Staich Ferrata%20staich%2012

Da qui si superano una serie di paretine e piccoli traversi fino ad arrivare su un pendio posto proprio sotto i cavi della funivia (diciamo che arrampicate sotto gli occhi dei turisti che salgono al lago del Mucrone).

Oropa, monte Tovo, Ferrata Nito Staich Ferrata%20staich%2014

Un salto di roccia verticale ed una placca liscia ma appoggiata vi conducono ai piedi di una piccola torre rocciosa:

Oropa, monte Tovo, Ferrata Nito Staich Ferrata%20staich%2015

l’ampio camino che la separa dalla parete parallela viene superato con un secondo “ponte tibetano” .

Oropa, monte Tovo, Ferrata Nito Staich Ferrata%20staich%2016

Risalendo la parete si fuoriesce su un traverso esposto che porta alla parte finale,e più impegnativa,della ferrata.Si salgono una serie di placche

Oropa, monte Tovo, Ferrata Nito Staich Ferrata%20staich%2018

fino a giungere sotto un evidente tetto che si supera aggirandolo sulla sinistra ;in questo punto l’esposizione è evidente ed è necessario essere concentrati e veloci,in particolare se è la prima volta che ci si trova in ambienti così “aerei”.

Oropa, monte Tovo, Ferrata Nito Staich Ferrata%20staich%2019

Ancora pochi metri di salita e si esce sul pianoro che segna il termine della nostra piccola “avventura” ;a sinistra,proprio accanto al traliccio dove passa la funivia,si notano i segni rossi che indicano la via di rientro.

Oropa, monte Tovo, Ferrata Nito Staich Ferrata%20staich%2021

La mia proposta, per rendere l’escursione più completa e logica,è di proseguire lungo l’evidente e vasta cresta prativa che sale verso la sommità del monte Tovo.Prima per tracce di sentiero, poi seguendo i segnavia bianchi e rossi n.14 ,

Oropa, monte Tovo, Ferrata Nito Staich Ferrata%20staich%2022

si giunge alla sommità del monte sormontato da una croce metallica e dalle caratteristiche “piramidi” del Tovo .Da qui una magnifica vista sulla pianura padana,su tutti i monti biellesi,sul gruppo del Monte Rosa

Oropa, monte Tovo, Ferrata Nito Staich Ferrata%20staich%2024



DISCESA

Seguendo sempre i segnavia bianchi-rossi in direzione della sottostante bocchetta Finestra e quindi per il sentiero n.32 che riporta alla "strada della Pissa” che abbiamo percorso all’andata.

CONSIDERAZIONI

La via ferrata è stata voluta dalla Provincia di Biella su un’idea della guida alpina Gianni Lanza ;è stata intitolata al grande alpinista biellese Nito Staich che ha dedicato molto tempo della sua vita proprio alle montagne di Oropa dove è stato direttore sportivo delle funivie e gestore dello storico albergo Savoia.La ferrata è posta in una zona di facile e rapido accesso;l’esposizione a sud e la relativa bassa quota permettono di frequentarla da inizio primavera fino ad autunno inoltrato,ovvero nei periodi in cui l’innevamento è modesto o assente.L’opera venne realizzata nel 2005 dalle guide alpine Tike Saab; i materiali e la posa in opera risultano di ottimo livello qualitativo.I pioli sono posizionati a distanze ottimali e sempre in numero corretto.La difficoltà,nel complesso, non risulta eccessiva:sia per estensione che per grado tecnico è accessibile senza particolari problemi a tutti gli alpinisti dotati di una discreta esperienza di vie ferrate;può anche essere un valido banco di prova per coloro che volessero accostarsi alla disciplina senza affrontare difficoltà ed esposizioni proibitive.In sintesi il percorso affronta uno sperone roccioso che, partendo dal fondo valle del torrente Oropa, termina sulla dolce ed ampia cresta che sale al monte Tovo.Lo sperone non si presenta monolitico ma costituito da una serie contigua di pareti e salti di roccia intervallati da brevi terrazzi erbosi.La morfologia impone di conseguenza un percorso tortuoso e discontinuo,permettendo per contro di non dover affrontare esposizioni estreme e di diluire l’impegno fisico su diverse pareti di limitata altezza avendo inoltre la possibilità di ammirare, da posizione privilegiata,il complesso architettonico che costituisce il Santuario di Oropa.Interessante è la presenza antropica sul percorso:lo sperone roccioso è infatti base sia per il traliccio intermedio dell’attuale funivia che da Oropa Santuario porta al lago del Mucrone sia per i due vecchi tralicci in cemento della smantellata funivia anteguerra.La via stessa utilizza curiosamente uno di questi tralicci dismessi per salire una parete:intelligente riferimento all’opera terrena di Nito Staich.La discesa è effettuabile mediante un sentiero chiaramente indicato che riporta nei pressi del punto di partenza;in alternativa (come descritto nella relazione) si può rendere la gita completa e logica proseguendo lungo la semplice ed evidente cresta prativa fino a giungere sulla sommità del monte Tovo, da cui si gode di una magnifica vista sulla pianura padana, sui monti biellesi,sul gruppo del Monte Rosa.


Attenzione per percorrere la ferrata  obbligatorio luso di: casco, doppia longe, dissipatore, imbragatura.
E vietato percorrere la via con cattivo tempo o temporali.
E vietato percorrere la via in discesa.
Ordinanza comunale Comune di Biella


LINK:
Relazione su Montagna Biellese
Torna in alto Andare in basso
http://www.caucino.com
roby caucino
Admin
roby caucino

Messaggi : 15
Data d'iscrizione : 20.05.10

Oropa, monte Tovo, Ferrata Nito Staich Empty
MessaggioTitolo: Re: Oropa, monte Tovo, Ferrata Nito Staich   Oropa, monte Tovo, Ferrata Nito Staich EmptySab Mag 22, 2010 12:22 am

Ho salito questa ferrata anche in inverno: una fredda giornata nuvolosa, nevischio, qualche decina di centimetri di manto bianco, quel che bastava per rendere il tutto più "scivoloso". In questi casi massima attenzione nei tratti privi di cavo dov'è consigliato l'uso dei ramponi. Da non sottovalutare anche la discesa sui ripidi versanti del monte Tovo.

Oropa, monte Tovo, Ferrata Nito Staich Staich_inv
Torna in alto Andare in basso
http://www.caucino.com
 
Oropa, monte Tovo, Ferrata Nito Staich
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
MUCRONER :: RELAZIONI :: VIE FERRATE-
Vai verso: